Biografia

foto biow2

Giuseppe Antonio Severini – bio

Beginning - I met medieval music in 1977, in Milan, at a lecture given by Alia musica ensemble, organized by the Municipality. Music and explanations were wonderful to me and I could see an Organistrum for the first time. All that impressed me so much that I decided to study ancient music after I graduated in Medieval history (1).

Music - Very important lessons of music theory by Pietro Righini at Padua conservatory and medieval music workshops directed by Giovanni Vianini, Marcel Pérès, Stefano Albarello, Frederic Tavernier-Vellas.  Lutherie and organology – I met prof. Roberto Leydi and prof. Febo Guizzi at Istituto De Martino and Civica scuola di Liuteria in Milan. Then I learned the basics of lutherie and reconstruction of historical stringed instruments from many teachers, Carlo Raspagni, Tiziano Rizzi, Federico Gabrielli, Pasquale Scala, Vincenzo Cipriani, Reginaldo D’Agostino (2).

In 1994 I moved to Randazzo and started a production of replicas of musical instruments of the Middle Ages and took part to ancient music festivals and exhibitions in Urbino, Perugia, Cagliari, Bevagna, Largentière, Grasse, Puivert, Le Havre, Venves (Paris), Saint Guilhem le desert, Medieval Music in the Dales (Yorkshire). I built instruments for museums, Città di Cefalù, Civico di Atri, Museo della Musica e delle tradizioni popolari dei Peloritani, Gesso(ME), Les Prieurales Le Havre, Instrumentarium de Chartres and for musicians: Stefano Albarello, Gianfranco Russo, Francis Biggi, Alfio Antico, Michele Conti and others (3).

Performance – I played Lute, Symphony and Psaltery in many ensembles at medieval festivals In Italy and abroad, for XIII – XIV century sacred and secular music. In 2007 I founded SECOLI BUI association about medieval music, poetry and theater, based in Randazzo (4).

NOS – This ensemble is formed by Marilena Lanzafame, pianist and musictherapist, and me. We perform XII century sacred music with rare instruments such as organistrum and square psaltery. Our main concert is entitled: “Alpha and Omega, the sounds of Cosmos ” (5).

Natural sounds and ancient Greece music – during the last years I dedicated more attention to natural sounds and I created a collection of natural objects that produce sound, I built several Aeolian harps and musical instruments of ancient Greece: auloi, lyra, barbitos, kithara. With these instruments I gave concerts and talks in archaeological sites (6).

Talks - In collaboration with Andrea Orlando, doctor in astrophysics, I gave talks about sound and music in prehistory, ancient Greece and Middle Ages and about the Music of the spheres myth. A special talk series entitled “Astronomia e Musica” was held in Castello Ursino, Catania, for three years.  Music/Mathematics and Astronomy teaching – In 2010, in an historical building in Randazzo, I founded the Casa della musica e della liuteria, a private interactive museum. One can visit my workshop and listen to the replicas of ancient instruments in live performance. The main room has 50 seats. The instruments belong to prehistory, ancient Greece and to the Middle Ages. The whole exhibition turns around the arts of Quadrivium, and, consequently, around the most famous philosophical myth of the Music of the Spheres (7).

The Organistrum - I have been working about the re-interpretation of this XII century wheel-instrument for a decade, studying every source available about it, texts of organology, musicology, theology, philosophy, astronomy and symbolism, in order to clarify the actual significance of such an enigmatic object. Part of my work has been submitted in Archaeo-astronomy Congress held in Santiago de Compostela 2017 (8).

I am experimenting different tunings and different mechanism of the keyboard in order to understand the use of this instrument and its possible role in XII century musical practice. Thus I began a very fruitful collaboration with musicologist Joshua Stutter. At last, I would like to end all these studies by publishing a complete book about the subject, involving parallel researches about the idea of Sound and Creation through the Middle Ages to Contemporary arts (9).

Affiliations - APEMUTAM (France), “proLyra” (France), The plainsong and Medieval music society , Istituto di Archeoastronomia siciliana. Publications - Articles in books, magazines, acts of congresses both about baroque, medieval instruments and musical iconography.(10)                                            

NOTES

(1)- Università degli Studi di Milano. Facoltà di Lettere e Filosofia“Proprietà e attività economica del convento di Santa Maria del Gradaro a Mantova dai primi anni del sec. XIII al 1328 “ relatore: Prof. Gigliola Soldi-Rondinini. Tesi di Laurea di Giuseppe Severini, matr183672,. a.a. 1979/80

“Il convento di Santa Maria del Gradaro di Mantova tra il 1224 e il 1454 “ di Giuseppe Severini in “Libri &Documenti” Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, Castello Sforzesco Milano. N.2, anno 1982.

Scritti su Leonardo nelle biblioteche milanesi, a cura di Giulia Bologna. Schede di Giuseppe Severini. Comune di Milano, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, 1982.

Leonardo nelle biblioteche milanesi. Edizioni e riproduzioni, a cura di Giulia Bologna. Schede di Giuseppe Severini. Comune di Milano, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, 1983.

(2) Enrolled in Cesare Pollini Conservatory Padova, 1984 -1988 , Mandolin course, M. Ugo Orlandi. After obtaining Musical theory and solfeggio diploma and first level I left these studies. Having worked at the reconstruction of XVIII c. Milanese mandolin, I went on studying early music instruments following teachers and pupils of Scuola Civica di Liuteria in Milan. The first was Tiziano Rizzi and then Federico Gabrielli. We worked together about XVIII century mandolins and organized several exhibition on this subject: Bussero (MI) Biblioteca comunale 1989, Festival “Suoni di antichi strumenti” Monza-Villa reale 29 June.-2 July 1989, per l’ Istituto di storia dell’arte lombarda, Milano, Palazzo reale, dal 20 feb. al 2 march 1990 e per la rassegna Né sole né luna Benevento,13-15 July 1990.

(3) I built psalteries, harps, lutes, symphonia, vielle, rebec, rebab, organistrum, hurdy-gurdy. Main exibitions: Urbino, Corsi di musica antica 1997-98, Perugia classico 1999, 2000, 2001, Cagliari classico 1999, Bevagna, Mercato delle Gaite: “mestiere del liutaio” for Gaita S.Giorgio together with Vincenzo Cipriani and Giordano Ceccotti, 2001-2002-2003. Festival of Largentière, France, 2011 - 2013, Festival of Puivert 2012, Chartres 2014, Le Havre 2015, Venves (Parigi) 2016, Saint Guilhem le désert, (Montpellier) 2018-2019, Chartres 2019.

Musical instruments for museums:

- Qitara morisca for Città di Cefalù 1997

- Rebab for Museo di Atri (AQ) 2000

- Colascione, Lyra ad arco, Arpa eolica, Rebab for Museo della musica e delle tradizioni dei Peloritani, Gesso-Messina 2002, 2005, 2012, 2018

- Viella ovale for les Prieurales di le Havre 2016

- Salterio for l’Instrumentarium de Chartres 2017

- Arpa eolica for Le Fresnoy, Tourcoing, 2019

(4) Since 1996 to 2011 I took part to many medieval festivals playing stringed instruments with Antikantus ensemble, Batarnu’, La Giostra and with my own group SECOLI BUI founded together with other artists in 2007. Main festivals in Sicily: Motta S. Anastasia, Lentini, Montalbano Elicona, Randazzo, Enna, Augusta, Piazza Armerina, Caccamo, Mussomeli, Buccheri. In Italy: Rovigo, S. Gimignano, Castel Trosino, Capestrano, Oria, Barletta, Gravina di Puglia, Mesagne, Bitetto.

In 2012 for three months I shared a project about acoustic folk instruments in New York and Clifton, New Jersey. In December I played in Macao and Hong-Kong for the 12° anniversary of reunion with China.

(5) Our repertoire includes Gregorian chant and two-parts vocal compositions from:

- “Ad organum faciendum” ms. M17 sup Biblioteca Ambrosiana Milano

- Saint Martial de Limosges, F-Pn lat.1139  

- Codex Calixtinus, Santiago de Compostela

- Magnus liber organi di Notre Dame, Firenze, Pluteus.

We performed in 2016, Venves (Paris), Santiago de Compostela 2017, Castiglione di Sicilia, Moissac, Messina, 2018, Messina, Catania, Gaiche (PG) 2019.

(6) Concerts at Cavagrande (SR) 2010, Carlentini 18.05.2017, Eloro (SR) August 2017, Bronte 04.08.2019.

(7) This little museum is unique in the area. You can visit the medieval house, the luthier’s workshop with practical demonstrations and then listen to several replicas of music instruments live performance. The music room (50 seats) is open to students, touristic groups and other visitors. Particular attention is dedicated to music, mathematics and astronomy in early ages and Middle ages, using special devices and models built on purpose.

(8) The Congress entitled “The road to the stars”, organized by INSAP, OXFORD and SEAC was held in Santiago de Compostela (Spain) 18-22 September 2017.

(9) Beyond the analysis of all iconographical sources available and especially of the sculptures in Santiago de Compostela cathedral, I began studying all texts about music theory of Ars antiqua available and the whole musical production of the age. Besides, it is important to keep in mind the teachings of outstanding authors, i.e. Boethius, Scoto Eriugena, William of Conches, Robert Grosseteste and to get precious information from works about arts, science, philosophy and theology of XI and XII centuries. A short bibliography:

AAVV, Cosmogonie e cosmologie nel medioevo. Louvain-La Neuve, 2008

AAVV, El mensaje simbolico del imaginario romanico. Palencia, 2007

Anderson Benjamin, Cosmos and community in early medieval art. Yale University press, 2017

Eastwood Bruce S., Ordering the heavens. Roman Astronomy and     Cosmology in the Carolingian Renaissance. Brill, 2007 Ferrari Barassi Elena, Testimonianze organologiche nelle fonti teoriche dei secoli X-XIV.Cremona, fondazione Claudio Monteverdi, 1983

Hicks Andrew, Composing the world. Harmony in medieval platonic cosmos. Oxford university press, 2017

Jacq Christian, Le message des constructeurs de cathedrals. La symbolique des edifices. Paris, 1986

Kaplan Aryeh, Sefer Yetzirah. The book of creation. San Francisco CA, WeiserBooks, 1997.

(10)  “Strumenti a plettro nella musica europea dal Medioevo al Settecento”, Il Fronimo, n.62, 1988, pp.40-54

- Il Mandolino bresciano di Bartolomeo Bortolazzi. Brescia, Museo chitarristico bresciano, 1990.

- «La reconstitution des rebabs d’après les peintures du XIIe siècle de la Chapelle Palatine à Palerme » in : L’instrumentarium du Moyen Age, sous la direction de Welleda Muller. Paris, L’Harmattan, 2015, pp. 139-142.

- “Organistrum in Santiago de Compostela : Symphonia celestis” in colllaboration with dott.Andrea Orlando in: Mediterranean Archaeology and Archaeometry, vol. 18, N4 (2018), pp. 345-352.

- for Incontri magazine, Catania: - Il violino siciliano di canna di E.Winternitz, lug-set 2015 - Strumenti musicali medievali a Randazzo, gen-marzo 2017 - Davide e la Vihuela, apr-giu 2017 - Concerto angelico, lug-set 2017 - La Viella di Nicosia, gen-mar 2018 - Randazzo, Erasmo Marotta e il quadro della Pentescoste, ott-dic 2018 - La viola del Re Davide a Bronte, marzo 2019 - Il paradiso musicale della cappella palatina di Palermo, oct.dic 2019.

Updates about my researches on: www.liuteriaseverini.it  blogContacts: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Giuseppe Antonio Severini

Esordi - L’ incontro con la musica medievale avvenne nel 1977 a Milano, durante una lezione concerto dell’ensemble Alia musica organizzata dal Comune. Le spiegazioni e la musica mi sembrarono meravigliose, e ascoltai fra gli altri il suono di un Organistrum, strumento che mi fece subito simpatia e una profonda impressione. Decisi che, dopo la laurea, mi sarei dedicato a studi di musica antica (1). Musica - Fondamentali lezioni di teoria musicale del maestro Pietro Righini presso il conservatorio di Padova e laboratori di musica medievale con Giovanni Vianini, Stefano Albarello, Marcel Pérès, Frederic Tavernier-Vellas. Organologia e Liuteria - Incontro con i professori Roberto Leydi e Febo Guizzi, presso l’Istituto De Martino e la Civica scuola di Liuteria di Milano. Attraverso la frequentazione dei laboratori di Carlo Raspagni, Tiziano Rizzi, Federico Gabrielli, Pasquale Scala, Vincenzo Cipriani, Reginaldo D’Agostino ho assimilato le basi dell’arte e i criteri della ricostruzione filologica degli strumenti musicali antichi (2). Successivamente al mio trasferimento a Randazzo (1994) ho iniziato a fare ricostruzioni di strumenti musicali a corde medievali e partecipato a numerose rassegne e festival di musica antica come i Corsi di Urbino, le mostre di Perugia Classico, Cagliari classico, i laboratori di liuteria a Bevagna e poi all’estero a Largentière, Puivert, Grasse, Venves (Parigi), Saint Guilhem le Désert, Le Havre, Chartres, Medieval music in the Dales (Yorkshire) . Ho prodotto strumenti per la Città di Cefalù (PA), Museo civico di Atri (AQ), il Museo della musica e delle tradizioni dei Peloritani di Gesso (Messina), les Prieurales di Le Havre, l’Instrumentarium de Chartres e per musicisti: Stefano Albarello, Gianfranco Russo, Francis Biggi, Alfio Antico, Michele Conti, e molti altri (3).

Attività musicale - Ho suonato Liuto, Sinfonia e Salterio per diversi ensembles nei festival medievali organizzati in Sicilia e in Italia, eseguendo musica trovadorica e musica sacra e profana dei secoli XIII e XIV. Nel 2007 fondo l’associazione Secoli bui, per lo studio delle arti dello spettacolo nel Medioevo, di cui sono stato per anni presidente (4).

NOS - L’ Ensemble NOS, costituito insieme alla Maestra Marilena Lanzafame, presenta un programma di musiche dei secoli XI e XII avente per tema la “musica delle sfere celesti”, con utilizzo di strumenti musicali rari per l’esecuzione di un repertorio in larga parte di musica sacra che attinge alle fonti delle più antiche polifonie europee (5). Musica naturale e musica Greca – negli ultimi anni ho dedicato più attenzione ai suoni naturali e ho creato una raccolta di oggetti naturali che producono suoni, ho costruito vari modelli di arpa eolica e strumenti dell’antica Grecia: auloi, lyra, barbitos e kithara. Con questi ho fatto diversi spettacoli e lezioni-concerto in località archeologiche (6).

Conferenze - In collaborazione con il dott. Andrea Orlando, astrofisico, ho tenuto cicli di conferenze sulla musica e il suono nella Preistoria e nel Medioevo e sul Mito della Musica delle Sfere, in particolare due rassegne dal titolo “Astronomia e musica” presso il Castello Ursino di Catania Attività didattica: Musica/Matematica/Astronomia - Nel 2010, all’interno di uno storico edificio di Randazzo, fondo la Casa della Musica e della Liuteria, museo interattivo. Vi si possono visitare il laboratorio di costruzione degli strumenti musicali ed ascoltare dal vivo strumenti ricostruiti che vanno dalla Preistoria, all’epoca greca antica al Medioevo in una sala con 50 posti a sedere. Al centro dell’esposizione le arti del Quadrivium e, di conseguenza, il mito millenario della”Musica delle Sfere” (7).

Organistrum - Da diversi anni mi dedico alla reinterpretazione di uno strumento a ruota del secolo XII, l’Organistrum, quello di Santiago de Compostela in special modo, esaminando e ri-esaminando tutte le fonti possibili: studi già editi sull’argomento, fonti musicali dei secoli XI e XII, testi di simbologia, di filosofia, di teologia e di astronomia, al fine di chiarire il ruolo e il vero significato musicale di questo enigmatico strumento. Parte di questo lavoro, tutt’ora in fieri, è confluito nella relazione presentata al Congresso di Archeo-astronomia del 2017 tenutosi a Santiago de Compostela (8).

Per capire meglio quali fossero le opportunità offerte dallo strumento nel contesto della prassi musicale del secolo XII sperimento varie accordature e nuovi sistemi di tastiera. In questa prospettiva ho iniziato una proficua collaborazione col musicologo scozzese Joshua Stutter. Obiettivo finale, dopo il consolidamento delle ricerche in corso, è di realizzare un’opera completa per illustrare i risultati di questo lavoro, che si intreccia con parallele ricerche sul concetto di Suono e di Creazione nel secolo XII e nell’arte contemporanea (9).

Affiliazioni - Sono membro di APEMUTAM, associazione francese di archeologia sperimentale, di “proLyra”, associazione francese di liutai, di “The Plainsong and Medieval music society” e dell’Istituto di Archeoastronomia siciliana .Pubblicazioni - Articoli su riviste specializzate e in opere collettive o per atti di congressi e su riviste di cultura articoli aventi per oggetto l’iconografia musicale (10).

NOTE -

(2) Università degli Studi di Milano. Facoltà di Lettere e Filosofia“Proprietà e attività economica del convento di Santa Maria del Gradaro a Mantova dai primi anni del sec. XIII al 1328” relatore: Prof. Gigliola Soldi-Rondinini. Tesi di Laurea di Giuseppe Severini, matr183672,. a.a. 1979/80

“Il convento di Santa Maria del Gradaro di Mantova tra il 1224 e il 1454” di Giuseppe Severini in “Libri &Documenti” Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, Castello Sforzesco Milano. N.2, anno 1982.

Scritti su Leonardo nelle biblioteche milanesi, a cura di Giulia Bologna. Schede di Giuseppe Severini. Comune di Milano, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, 1982.

Leonardo nelle biblioteche milanesi. Edizioni e riproduzioni, a cura di Giulia Bologna. Schede di Giuseppe Severini. Comune di Milano, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, 1983.

(2) Iscritto al Conservatorio Cesare Pollini di Padova dal 1984 al 1989 per frequentare il corso straordinario di Mandolino, docente il maestro Ugo Orlandi. Dopo il conseguimento del diploma di teoria e solfeggio e del Compimento inferiore lasciai questi studi. Avevo collaborato alla ricostruzione del mandolino milanese del secolo XVIII e continuai a lavorare nell’ambito della musica barocca, frequentando studenti e insegnanti della Scuola civica di Musica e della scuola civica di Liuteria di Milano. Tra questi il maestro Tiziano Rizzi e successivamente il suo allievo Federico Gabrielli col quale svolsi un lavoro di ricerca sulla storia dei Mandolini settecenteschi sfociata in diverse mostre tenute a Bussero (MI) Biblioteca comunale 1989, Festival “Suoni di antichi strumenti” Monza-Villa reale 29 giu.-2 luglio 1989, per l’ Istituto di storia dell’arte lombarda, Milano, Palazzo reale, dal 20 feb. al 2 marzo 1990 e per la rassegna Né sole né luna, Benevento,13-15 luglio 1990.

(3) Ho costruito salteri, arpe, liuti, sinfonie, vielle, ribeche, rebab, organistrum, ghironde. Principali esposizioni: Urbino, Corsi di musica antica 1997-98, Perugia classico 1999, 2000, 2001, Cagliari classico 1999, Bevagna, Mercato delle Gaite: “mestiere del liutaio” per la Gaita S.Giorgio assieme a Vincenzo Cipriani e Giordano Ceccotti per tre anni, 2001-2002-2003. Festival di Largentière, Francia, dal 2011 al 2013, Festival di Puivert 2012, Chartres 2014, Le Havre 2015, Venves (Parigi) 2016, Saint Guilhem le désert (Montpellier) 2018-2019.

Strumenti per musei:

- Qitara morisca per la Città di Cefalù 1997

- Rebab per il Museo di Atri (AQ) 2000

- Colascione, Lyra ad arco, Arpa eolica, Rebab per Museo della musica e delle tradizioni dei Peloritani, Gesso-Messina 2002, 2005, 2012, 2018

- Viella ovale per les Prieurales di le Havre 2016

- Salterio per  l’Instrumentarium de Chartres 2017

- Arpa eolica per Le Fresnoy, Tourcoing, 2019

(4) Tra 1996 e 2011 ho partecipato a diversi festival medievali insieme ai gruppi Antikantus, Batarnù, La Giostra e con il gruppo SECOLI BUI fondato da me e da diversi artisti nel 2007. Località degli eventi più importanti in Sicilia: Motta S. Anastasia, Lentini, Montalbano Elicona, Randazzo, Enna, Augusta, Piazza Armerina, Caccamo, Mussomeli, Buccheri. In Italia: Rovigo, S. Gimignano, Castel Trosino, Capestrano, Oria, Barletta, Gravina di Puglia, Mesagne, Bitetto.

Nel 2012 per tre mesi un progetto sugli strumenti tradizionali acustici a New York e a Clifton, New Jersey. A dicembre tournée-lampo a Macao e Hong-Kong per suonare in occasione del 12° anniversario dell’ annessione alla Cina.

(5) Il repertorio comprende canti gregoriani e composizioni a due voci da:

- Scolica Enchiriadis

- “Ad organum faciendum” ms. M17 sup Biblioteca Ambrosiana Milano

- Saint Martial de Limosges, F-Pn lat.1139  

- Codex Calixtinus, Santiago de Compostela

- Magnus liber organi di Notre Dame, Firenze, Pluteus.

per Voci, psalterium decachordum, organistrum, campane, sfere di vetro.

Abbiamo svolto attività didattica e concertistica con questo repertorio a partire dal 2016 a Venves (Parigi), Santiago de Compostela 2017, Castiglione di Sicilia, Moissac, Messina 2018, Messina, Catania, Gaiche (PG) 2019.

(6) Concerti a Cavagrande (SR) 2010, Carlentini 18.05.2017, Eloro (SR) agosto 2017, Bronte 04.08.2019.

(7) Questa iniziativa è unica sul territorio perché riunisce la visita a un edificio storico medievale, la visita al laboratorio di liuteria con dimostrazioni pratiche e un’ esperienza di ascolto dal vivo degli strumenti ricostruiti. La sala della musica ha 50 posti a sedere e ospita classi delle scuole o comitive turistiche, preferibilmente su prenotazione. Una particolare attenzione è dedicata alla relazione fra musica, matematica e astronomia nel mondo antico e nel medioevo, attraverso modelli e strumenti appositamente costruiti.

(8) Il convegno, intitolato “The road to the stars” è stato organizzato da INSAP, OXFORD e SEAC e si è svolto a Santiago de Compostela (Spagna) dal 18 al 22 settembre 2017.

(9) Oltre all’analisi più accurata possibile di tutte le fonti iconografiche e soprattutto dell’ eccezionale monumento rappresentato dalle sculture del Portico della Gloria della Cattedrale di Santiago de Compostela e dei testi classici di teoria musicale dell’Ars antiqua, la ricerca si estende ai repertori musicali coevi, estremamente significativi per originalità ed estensione e a testi originali di scrittori antichi da Boezio a Scoto Eriugena, da Guglielmo di Conches a Roberto Grossatesta, per fare alcuni esempi, e inoltre saggi su arte, scienze, filosofia e teologia dei secoli XI e XII.

Una brevissima bibliografia:

AAVV, Cosmogonie e cosmologie nel medioevo. Louvain-La Neuve, 2008

AAVV, El mensaje simbolico del imaginario romanico. Palencia, 2007

Anderson Benjamin, Cosmos and community in early medieval art. Yale University press, 2017

Eastwood Bruce S., Ordering the heavens. Roman Astronomy and    Cosmology in the Carolingian Renaissance. Brill, 2007

Ferrari Barassi Elena, Testimonianze organologiche nelle fonti teoriche dei secoli X-XIV.Cremona, fondazione Claudio Monteverdi, 1983.

Hicks Andrew, Composing the world. Harmony in medieval platonic cosmos. Oxford university press, 2017

Jacq Christian, Le message des constructeurs de cathedrals. La symbolique des edifices. Paris, 1986 - Kaplan Aryeh, Sefer Yetzirah. The book of creation. San Francisco CA, WeiserBooks, 1997.

(10) “Strumenti a plettro nella musica europea dal Medioevo al Settecento”, Il Fronimo, n.62, 1988, pp.40-54

- Il Mandolino bresciano di Bartolomeo Bortolazzi. Brescia, Museo chitarristico bresciano, 1990.

- «La reconstitution des rebabs d’après les peintures du XIIe siècle de la   Chapelle Palatine à Palerme » in : L’instrumentarium du Moyen Age, sous la direction de Welleda Muller. Paris, L’Harmattan, 2015, pp. 139-142.

- “Organistrum in Santiago de Compostela : Symphonia celestis” in collaborazione col dott.Andrea Orlando in: Mediterranean Archaeology and Archaeometry, vol. 18, N4 (2018), pp. 345-352.

- per la rivista Incontri di Catania: - Il violino siciliano di canna di E.Winternitz, lug-set 2015 - Strumenti musicali medievali a Randazzo, gen-marzo 2017 - Davide e la Vihuela, apr-giu 2017 - Concerto angelico, lug-set 2017 - La Viella di Nicosia, gen-mar 2018, - Randazzo, Erasmo Marotta eil quadro della Pentescoste, ott-dic 2018 -La viola del Re Davide a Bronte, marzo 2019 – Il paradiso musicale della cappella palatina di Palermo, oct.dic 2019.

Aggiornamenti sulle mie ricerche di liuteria e organologia e sull’avanzamento del lavoro che riguarda l’Organistrum si possono seguire consultando i blog del sito www.liuteriaseverini.it Contatti: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------