ORGANISTRUM-GERBERT

ORGANISTRUM-GERBERT

In Martin Gerbert's De cantu et musica sacra  (1774) we find an interesting depiction of the Organistrum.  We can observe in it the mechanism of the keys, the musical scale and the position of the bridge, indicated by the latin word of greek origin: magada. The idea of turning keys, that perform the function of the movable bridge of the monochord is evident, BUT if we make the keys as they appear, in this way, they do not work well on the Organistrum.

If, on the other hand, we think of lever-operated keys that act on the strings from above, pressing them against fixed frets, the mechanism works.

There are a couple of evidences of this mechanism: one is taken from a manuscript of Hildegard Von Bingen's Liber Scivias, another one from Historia del Mundo by Rudolph von Ems (1340).  In both manuscripts the musician is pulling the keys of his Organistrum towards himself using his fingers.

I suppose that Organistrum helped the singers not to loose the right pitches of the fundamental melody in Organum melismaticum.

 

Watch the videos:

keyboard operation  

music                     

 

 

Magnus Liber Organi de Notre Dame, XII c.

Florence, Biblioteca medicea, Cod Pluteus, LXIXv.

 

Nell'opera di Martin Gerbert De cantu et musica sacra (1774) troviamo un famoso disegno dell'Organistrum. Possiamo osservare in esso il meccanismo dei tasti, la scala musicale e la posizione del ponte, indicato dalla parola latina di origine greca: magada. L'idea di tasti girevoli, che hanno la funzione del ponte mobile del monocordo, risulta evidente, MA se si costruiscono i tasti per come appaiono, si scopre che non funzionano bene sull'Organistrum.

Se invece pensiamo a dei tasti a leva che agiscono sulle corde da sopra, premendole contro dei tasti fissi, il meccanismo funziona.

Ci sono due documenti che mostrano questo modello: uno è tratto da un manoscritto del Liber Scivias di Hildegard Von Bingen, l'altro dall' Historia del mundo (1340) di Rudolph von Ems. In entrambi  si osserva che il suonatore tira verso di sè i tasti con le dita.

Credo che un Organistrum così concepito servisse ad aiutare i cantanti a non perdere l'intonazione nell'eseguire la vox principalis dell'Organum melismaticum.

 

Guarda i video:

funzionamento della tastiera   

musica                                 

Organistrum: its tuning and keyboard

Organistrum: its tuning and keyboard

ORGANISTRUM : ITS TUNING AND KEYBOARD.

 

The aim of the present article is to present the ultimate result of my research on the possibility of rebuilding the Organistrum (Giuseppe Antonio Severini, Organistrum. Un caso di archeologia sperimentale. Tipheret, 2020). Italian text only.

1.Sources and features

The information we have on the instrument comes from a dozen images in books and works of art of the 12th century.

Constant elements

  1. The Organistrum has an « 8 » shape, with a rectangular extension.
  2. The dimensions are such as to occupy the knees of two men seated side by side.
  3. The wheel and the crank are a characteristic element, as are the three strings, in one case two, in one other perhaps one.
  4. The row of keys ends within the middle of the string.

Variable elements

 The number of keys can change: 6 to 11 (or 12).

 

Unknown elements

 I. There is no information about the tuning and the musical scale but from a plate in Martin Gerbert, De cantu et musica sacra, 1774. The same drawing gives an idea of the possible mechanism of the keys.

II. We know nothing more about the inner structure of the keyboard.

 

From these premises it follows that the replicas of the Organistrum so far attempted are at least partly hypothetical.

This obviously concerns the Variable elements  and the Unknown Elements.

Almost all the replicas take as a model the Organistrum of the Portico de la Gloria of Santiago de Compostela because, compared to all the other representations it is the richest in details, it has the maximum number of keys, it occupies the most important location.

 

There are 12 keys within the octave, the first of which should be the nut : they are definetly too many, unless you want to conclude that this is a chromatic keyboard.

Another arbitrary element lies in the choice of the generally adopted fifth and octave tuning, inspired by the organum parallelum polyphonic technique, described in texts that precede any known depiction of the Organistrum by at least a century or two. Instruments made following these hypotheses have little use in the performance of medieval music.

 

2. A different solution

In search of a different solution, I found myself reconsidering two objects that are certainly of the first level.

 

A.) The only drawing of the keyboard that we have left, complete with indications on the scale and on the structure of the keys, is the one copied by Martin Gerbert from a 12th c. manuscript, now lost, in Saint Blaise monastery.

Gerbert's keys have been interpreted as revolving bars with a long "spatula" tangent placed under the strings. The tangent would be brought into contact with all three strings simultaneously through a rotation. This system does not work in practice.

I prefer another interpretation of this drawing: the eight keys would be rotatable or lever acting from above the strings, pressing them against fixed frets, and it works.

Gerbert provides a scale for the instrument: from C to the next C with a single accidental, Bb. The fact that the intonations of the other two strings are not indicated leads to the conclusion that :

  1. they all had the same frequency;
  2. were in C with different octaves;
  3. Gerbert has forgotten to copy them.

The indicated scale is the canonical one and logically must be respected. The indication for the tuning being incomplete, this does not mean that it should be overridden. It is preferable to stick to hypotheses 1. and 2.

So we are faced with a diatonic instrument capable of producing all the intervals of the diatonic scale with a continuous sound. As several authors have observed, it seems to be an evolution of the Monochord. What could this instrument be used for? To provide a certain reference of the notes (a tuner), to play pedals in polyphony helping the singers in intonation.

 

B.) The musical repertoire coeval with the representations of the Organistrum, all of the 12th century, gives us more suggestions.

The manuscripts of Limoges, Winchester, Santiago de Compostela and Paris (Notre Dame), show an interesting two parts polyphonic repertoire. The scales are strictly diatonic. The only alteration used is Bb. These compositions were sung and intended for the liturgy. Many of these, called organum floridum or melismaticum, consisted of a bass vox principalis, and a higher vox organalis. Each note of the vox principalis corresponds to groups of many notes of the vox organalis. The extension of the vox principalis in the Magnus Liber organi of Notre Dame is mostly from C3 to D4, rarely up to F4. The compositions in the F key start at A2 and jump to C3, never requiring B2 and Bb2.

It is possible that the Organistrum as described by Gerbert effectively entered into the performance of these parts.

 

3.More than eight keys.

How should we consider keyboards with more than eight keys?

They are actually only two:

  • organistrum from Collegiata de Toro (Spain) : the nut + 9 keys ;
  • the one from Santiago de Compostela : the nut + 11 keys.

I think the most realistic keyboard is that of Toro, which only adds one tone (D) to the octave.

In the case of Compostela it is very difficult to think of an extension of the diatonic keyboard by two tones and a semitone without visibly exceeding half of the diapason. The Santiago instrument, certainly the most beautiful, has preponderant symbolic value, as amply shown in my book. The 12 keys do not want to indicate the intervals of the scale of the instrument, but those of the cosmic harmony according to Pliny, as can be seen listed next to many grids of planetary latitudes in 11th and 12th century manuscripts of astronomical content. The setting of the instrument at the center and at the top of the Portico describing the Glory of Heaven, the decorative details and the fundamental measures of the instrument have an evident astronomical and theological inspiration. Finally, the sculpture belongs to a masterpiece of the highest level, as one of the three most important sanctuaries of Christianity deserved.

 

 

4.Acoustic results

As with all theories, a crucial aspect lies in the experimental verification.

I have listened to many instruments, others I have heard in recordings, I built four different types myself. My conclusion is that the most coherent and most convincing version, with the most pleasant sound, is the one with the three strings in C3 and a diatonic fingerboard with levers acting over the strings.

 

Watch the videos:

 

 

 

Organistrum: accordatura e tastiera

Organistrum: accordatura e tastiera

LA TASTIERA E L’ACCORDATURA DELL’ORGANISTRUM.

 

Nel presente articolo è contenuto il risultato ultimo della mia ricerca sulle possibilità di ricostruzione dell’Organistrum, esposta nel libro: Giuseppe Antonio Severini, Organistrum. Un caso di archeologia sperimentale. Tipheret, 2020.

 

Fonti e caratteristiche

Le notizie che abbiamo sullo strumento provengono da una dozzina di immagini contenute in libri e in opere d’arte del secolo XII.

 

Elementi costanti

  1. L’Organistrum si presenta con la forma di un otto con un prolungamento rettangolare.
  2. Le dimensioni sono tali da occupare le ginocchia di due persone sedute una a fianco all’altra.
  3. La ruota e la manovella sono un elemento caratteristico, come anche le corde, in numero di tre, in un caso due, in un altro forse una.
  4. La fila dei tasti termina entro la metà della corda.

 

Variabile

Il numero dei tasti può cambiare: da 6 a 11 (o12).

 

Elementi sconosciuti

I. Non ci sono informazioni sull’accordatura e sulla scala se non una sola, da Martin Gerbert, De cantu et musica sacra, 1774: una corda intonata in Do e una scala diatonica con un Sib e un Si naturale. Nessuna notizia circa le due corde rimanenti. Il disegno dà un’idea del meccanismo della tastiera.

II. Nessuna fonte ci fornisce dati certi sul meccanismo dei tasti.

 

Da queste premesse consegue che le ricostruzioni dell’Organistrum finora tentate siano almeno in parte ipotetiche. Ciò riguarda ovviamente la Variabile e gli Elementi sconosciuti I. e II.

Quasi tutte le ricostruzioni prendono a modello l’Organistrum del Portico de la Gloria di Santiago de Compostela perché, rispetto a tutte le altre raffigurazioni è la più ricca di dettagli, presenta il massimo numero di tasti, ha la collocazione più importante.

Però nella scelta dello strumento di Compostela è raffigurato un particolare che ha generato molta confusione: il numero di tasti entro l’ottava.

Sono 11, o 12, a seconda del modo di concepire la posizione del capotasto, ma in ogni caso troppi, a meno che non si voglia concludere, come si è fatto, che si tratti di una tastiera cromatica.

Altro elemento arbitrario sta nella scelta dell’accordatura per quinta e ottava generalmente adottata, ispirata alla tecnica dell’organum parallelum, descritto in testi che precedono di almeno un secolo o due qualsiasi rappresentazione conosciuta dell’Organistrum.

Gli strumenti realizzati seguendo queste ipotesi hanno scarso utilizzo nell’esecuzione di musica coeva.

Alla ricerca di una diversa soluzione mi sono trovato a riconsiderare due oggetti certamente di primo livello:

1. l’unico disegno della tastiera che ci sia rimasto, completo di indicazioni sulla scala e sulla struttura dei tasti, quello copiato da Martin Gerbert;

 2. il repertorio musicale coevo alle raffigurazioni dell’Organistrum, tutte del secolo XII, nell’area della loro maggiore diffusione (Spagna settentrionale, Francia settentrionale, Inghilterra).

 

A.

I tasti di Gerbert sono stati interpretati come barre girevoli con una lunga tangente “a spatola” posta sotto le corde. La tangente verrebbe portata a contatto di tutte e tre le corde contemporaneamente tramite una rotazione. Questo sistema nella pratica non funziona. Si è conservata almeno l’idea che le corde venissero toccate dal tasto tutte insieme.

Vi è una diversa interpretazione del disegno: i tasti sarebbero girevoli o a leva agendo dal di sopra delle corde, andando a premere le stesse contro barre fissate lungo i gradi della scala. Funziona.

Gerbert fornisce una scala per lo strumento: da Do al Do successivo con una sola alterazione, Sib. I tasti infatti sono 8.

Il fatto che non siano indicate le intonazioni delle altre due corde porta a concludere che 1. avessero tutte la stessa frequenza; 2. fossero in Do a ottave diverse; 3. Gerbert abbia dimenticato di scriverle.

La scala indicata è quella canonica e logicamente va rispettata.

L’indicazione per l’accordatura è incompleta, non per questo deve essere scavalcata.

Preferibile attenersi alle ipotesi 1. e 2.

Quindi ci troviamo di fronte a uno strumento diatonico in grado di produrre tutti gli intervalli della scala con suono continuo. Come diversi autori hanno osservato sembra trattarsi di un’evoluzione del Monocordo.

A cosa poteva servire tale strumento? A fornire un riferimento certo delle note (un accordatore), ad eseguire pedali nelle polifonie aiutando i cantanti nell’intonazione.

Per comprendere la funzione dell’Organistrum dobbiamo riferirci alla musica del suo tempo.

 

B.

La documentazione colloca l’Organistrum nell’ambito della musica sacra.

I manoscritti di Limoges, Winchester, Santiago de Compostela e Parigi (Notre Dame), mostrano un interessante repertorio a due voci.

Le scale sono rigorosamente diatoniche. L’unica alterazione prevista è il sib.

Tali composizioni erano cantate e destinate alla liturgia.

Molte di queste, chiamate organum floridum o melismaticum, erano costituite da una vox principalis, al basso e da una vox organalis più acuta. Ad ogni nota della vox principalis corrispondono gruppi di note di vario numero, da due a … della vox organalis.

L’estensione della vox principalis nel Magnus Liber organi di Notre Dame è per lo più da C3 a D4, raramente fino a F4. Le composizioni in chiave di Fa partono da A2 e saltano a C3, mai richiedendo B2 e Bb2.

E’possibile che l’Organistrum come descritto da Gerbert entrasse efficacemente nell’esecuzione di queste parti.

 

Più di otto tasti

 

Come dobbiamo considerare le tastiere con più di otto tasti?

Sono solo due: Collegiata di Toro, capotasto + 9 tasti e Santiago di Compostela, capotasto + 11 tasti.

Penso che la tastiera più realistica sia quella di Toro, che esce dallo spazio di ottava solo di un tono, arrivando a Re.

Nel caso di Compostela è impossibile pensare a un prolungamento della tastiera diatonica di due toni e un semitono senza superare visibilmente la metà del diapason.

Il modello di Toro con accordatura in C3 e tasti come in Gerbert, a leva, è dunque il più credibile.

Lo strumento di Santiago, certamente il più bello, ha preponderante valore simbolico, come ampiamente mostrato nel mio libro.

I 12 tasti non vorrebbero indicare gli intervalli della scala dello strumento reale, ma quelli dell’armonia cosmica di Plinio, come si vedono elencati accanto a molte griglie delle latitudini planetarie in manoscritti di contenuto astronomico dei secoli XI e XII.

L’ambientazione dello strumento al centro e al culmine del Portico che descrive la Gloria del Cielo, i dettagli decorativi e le misure fondamentali dello strumento, tradiscono un’evidente ispirazione astronomica e teologica in una realizzazione di altissimo livello, come meritava uno dei tre santuari più importanti della Cristianità.

 

Risultati acustici

Come per tutte le teorie, un aspetto cruciale risiede nella verifica sperimentale.

Ho ascoltato molti strumenti dal vivo, altri li ho sentiti in registrazione, io stesso ne ho realizzati quattro tipi diversi.

La mia conclusione è che la versione più coerente e più convincente, dal suono più gradevole, sia quella con le tre corde in C3 e una tastiera diatonica a leve che agiscono sopra le corde.

 

Guarda il video:

Subscribe to this RSS feed